In principio era Cheddonna


La signora Berenice e suo marito, il signor Dante, l’avevano capito fin dal primo momento: la rosea neonata di tre chili  che dormiva beatamente nella culla della nursery non era certo una bambina qualsiasi. Innanzitutto, a differenza della maggior parte dei suoi compagni d’avventura, che portavano in volto i segni del parto appena affrontato e le cui teste a pera rivelavano tutta la fatica del venire al mondo, la loro secondogenita aveva un colorito roseo e una testolina tonda e riccioluta, e teneva le manine rivolte verso di sé, quasi dicesse “Eccomi. Finalmente sono arrivata. Oui, je suis Cheddonna!”
 “Non ho mai visto una bambina così intelligente, si vede da come tiene gli occhi aperti!” esclamò il signor Dante, guardando la neonata. “Ed è bellissima, proprio come me da piccola” aggiunse la signora Berenice, che non temeva certo  di venire smentita. “Forse è un po’ magrolina, ma crescerà” obiettò la  giunonica zia Marta , che si preoccupava sempre che gli altri non mangiassero abbastanza. “E’ un belè” disse Nonnanenna, con gli occhi lucidi, “ speriamo che sia anche buona !”.
“Cheddonna!” esclamarono in coro  tutti i parenti venuti a vedere la nuova arrivata, e Cheddonna fu.
 La sorellina maggiore, nel vederla, non aveva potuto fare a meno di esclamare: “Cheddolce!”, suscitando l’unanime approvazione degli astanti, fatto che le costò la perdita del suo vero nome, perché da quel giorno quell’esclamazione infantile divenne il suo soprannome, per sempre.  E pure Cheddolce fu.
Gli anni passarono, e Cheddonna crebbe rimanendo sempre all’altezza delle promesse insite in cotanto nome, finché   un bel giorno, a casa di amici, conobbe un ragazzo e nello stesso istante in cui lo vide esclamò: “Quello sarà Miomarito”. E Miomarito fu.
Quando i due sposi decisero che era venuta l’ora di mettere al mondo un figlio, possibilmente maschio e rigorosamente unico, nacque un bimbo che presentava i requisiti richiesti, e fu chiamato IlPrincipe. E  così anche IlPrincipe fu.
“In principio era Cheddonna”… sì, anche questa storia potrebbe iniziare così.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...