downloadAveva un paio di scarponi  pesanti, dei pantaloni scuri di fustagno e una giacca a vento marrone, di una taglia appena un po’ grande per la sua corporatura minuta.Camminava svelto e deciso, col passo di chi sa dove sta andando, e rischia di far tardi.  La cosa strana era che c’erano trentacinque gradi, era giugno, e tutti gli altri, intorno, facevano a gara a chi riusciva a togliersi più vestiti senza rischiare l’arresto.
Lui, i vestiti, se li portava addosso, uno sull’altro, primavera, estate, autunno e inverno. Troppo pericoloso lasciarli da qualche parte: qualcuno pronto a prenderseli c’era sempre e non era facile procurarsene altri.
Vedendoselo venire incontro sul marciapiede Cheddonna finse di avere un’ottima ragione per attraversare la strada, mettendo tra lei e quello strano sconosciuto il traffico dell’ora di punta.
Lui se ne accorse, forse, ma continuò per la sua strada come se niente fosse, come chi da troppo tempo ha imparato a portarsi il mondo addosso.

A volte Cheddonna si sentiva come Giovanni Drogo alla fortezza Bastiani: in attesa che qualcosa accadesse.
Non per forza qualcosa di brutto, certo,  ma non sapeva esattamente cosa, nè quando;  solo era certa che dovesse, inevitabilmente, accadere.

Mese per mese