Quello che le mamme (del caffè) non dicono


L’ultima settimana di scuola era alle porte, e nel gruppo di mamme che per tre anni aveva condiviso chiacchiere, caffè e veleni, si respirava un’aria forzosamente gioiosa, ma insolitamente pesante.
Sì, gli esami di terza erano  vicinissimi, e ormai non si parlava d’altro, ma sotto sotto ognuna di loro sapeva che, dopo, qualcosa sarebbe cambiato. Per sempre.
I ragazzi avevano scelto scuole diverse, alcune molto distanti, e loro, le mamme-autiste, non avrebbero più avuto occasione di vedersi tutte le mattine, stesso posto-stessa ora.
Cheddonna avvertiva, dentro di sè, la sensazione confusa di un’epoca oramai alla fine, e, dagli sguardi incerti delle altre madri, intuiva che anche per loro era lo stesso.
“Non sono pronta” pensava Cheddonna, una volta tanto d’accordo con sua madre, la signora Berenice.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...