Indicazioni stradali


Per spezzare la monotonia della vita di spiaggia, Cheddonna e la sua famiglia avevano deciso di avventurarsi nell’entroterra, alla scoperta di piccoli gioielli d’arte e cultura . Impostato il navigatore in direzione di Ostuni, la città bianca, Miomarito guidava sicuro sulle strade semi deserte, punteggiate di ulivi secolari,per chilometri e chilometri .Troppi, a pensarci bene. Effettivamente da più di mezz’ora non facevano che vedere ulivi e muri a secco, fichi d’india e trulli. ” Forse abbiamo sbagliato strada.” constato’. ” Il navigatore diceva che dovevamo percorrere 7 chilometri…” “Non c’è segnale!”ringhio’ Ilprincipe gettando un’ occhiata torva al display.
“Non ci resta che chiedere informazioni “concluse Cheddonna, con una punta di apprensione. “Guarda, laggiù c’è un autoctono… scusi per Ostuni andiamo bene?”
” Eh no.. .” rispose l’uomo, il cui volto, della stessa sfumatura di colore della terra che stava lavorando, lo faceva somigliare ad un pellerossa .”Dovete tornare indietro per un chilometro o due, poi prendere a destra e poi dopo varie rotonde girare a sinistra”
“Ok grazie!” rispose Miomarito, per nulla sicuro di aver compreso e, fatta inversione, si avviò nella direzione opposta; alla ricerca di un cartello. “Ecco guarda, Ostuni 27 chilometri !”esclamo’Cheddonna, indicando un cartello obliquo all’incrocio.
” Ma dritto o a sinistra,secondo te?” chiese concitato Miomarito .
“Direi sinistra, no forse vuol dire dritto…”e Miomarito fece una brusca sterzata e proseguì diritto. Dopo un’ora si accorsero che, con ogni probabilità; sarebbe stato meglio girare a sinistra.
” Mi scusiiiii!”gridò Cheddonna dal finestrino rivolgendosi a una signora col cane. “Per Ostuni?”
“E’facile, prendete la complanare e al rondo’ andate dritto, poi chiedete” Dopo un’altra ora di tentativi, richieste di indicazioni e reciproche accuse di aver dimenticato a casa la cartina stradale, all’improvviso apparve sulla cima di una collina, come un miraggio tremolante nel deserto, la città bianca.
Proprio in quel momento una voce metallica scandi’:
“Siete giunti a destinazione”-

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...