Lacrime in tasca


Alle recite della scuola materna de IlPrincipe, Cheddonna piangeva sempre. Era più forte di lei, ma non poteva ascoltare quelle vocine spaesate  cantare le canzoncine di Natale, o recitare la poesia di fine anno senza che gli occhi le si facessero lucidi per la commozione e grosse lacrime le rotolassero via dalle ciglia, mettendo a dura prova anche il più waterproof dei mascara.
“Non sono la sola”-si diceva- guardandosi intorno circospetta e intercettando molti altri occhi arrossati, dietro i flash delle macchine fotografiche, e visi nascosti da provvidenziali fazzoletti di carta.
Verso la fine delle elementari i flash  alle recite erano diminuiti, e di fazzoletti se ne vedevano sempre meno. Alle medie,  non fosse stato per le amiche del M.A.M.A., notoriamente inclini alla commozione,Cheddonna avrebbe cominciato a sentirsi una mosca bianca. Ora  IlPrincipe stava finendo la prima liceo, e quel giorno avrebbe avuto il suo annuale saggio di pianoforte.
Anche se IlPrincipe, temendo che si annoiasse-Che sciocco! come avrebbe potuto annoiarsi al saggio di suo figlio!- le aveva caldamente consigliato di restare a casa, Cheddonna si era recata al saggio fermamente intenzionata a non versare nemmeno una lacrima. Per un po’ c’era riuscita. Aveva ascoltato una pessima suonatrice di violoncello, due gemelli violinisti  passabili e una suonatrice di flauto traverso davvero promettente senza scomporsi minimamente, ma quando era apparso lui, IlPrincipe, bello come il sole nel suo completo scuro, e si era seduto al pianoforte, non ce l’aveva fatta più, ed  era scoppiata a piangere senza ritegno.
Si frugò nelle tasche e, accanto alle lacrime, vi trovò un paio di occhiali neri, grandi, che le davano quel tocco di mistero che le donava tanto. Li inforcò e, protetta da quello schermo impenetrabile, continuò a piangere indisturbata per tutta la durata dello spettacolo. In fondo, a lei piaceva così.
.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...