Vacanze in Riviera


Dopo l’interminabile viaggio in Puglia, l’esperienza bucolico-agreste in agriturismo e la gita a Palermo dell’anno precedente, che avevano messo a dura prova perfino una maratoneta dei tacchi a spillo come lei, Cheddonna era finalmente riuscita a convincere Miomarito a trascorrere una vacanza sulla Riviera romagnola.
“Ma il mare, lì, è marrone!E poi …tutta quella gente! e  gli animatori petulanti…”aveva provato ad argomentare lui.
“Figo, si mangia bene, c’è la spiaggia proprio davanti all’hotel e un sacco di cose da fare, anche per quelli della vostra epoca! “aveva commentato lPrincipe, con l’approvazione incondizionata di Cheddonna, ad eccezione, ovviamente, dell’ ultimissima argomentazione.
“Effettivamente”, aveva dovuto ammettere Miomarito dopo essere arrivato a destinazione”il mare non è poi così male. Meduse non ce ne sono, questo è certo, e la spiaggia è attrezzatissima. Tutto sommato credo che non mi annoierò” aveva decretato infine,  un attimo prima di sparire in mezzo a un gruppo eterogeneo di vacanzieri intenti a seguire la lezione di “risveglio muscolare”.
“Incredibile!” aveva esclamato Cheddonna, rivolgendosi al figlio. “Hai visto papà che saltella sul bagnasciuga?”, ma IlPrincipe, a sua volta, era già andato a esplorare le molteplici possibilità offerte dal bagno “Tres chic”, e non poteva certo sentirla.
Rimasta sola, Cheddonna aveva deciso che avrebbe sfruttato quelle due settimane per praticare più sport possibili, tornando dalle vacanze in forma ancora più smagliante. Però, prima, avrebbe letto giusto qualche rivista di gossip, per rilassarsi un po’. Di tanto in tanto, Miomarito tornava all’ombrellone annunciandole “L’acqua-gym è fortissima, domani dovresti provarla anche tu!” oppure “Tra quindici minuti inizia la lezione di Zumba! “ma Cheddonna, immersa nella lettura, rispondeva che forse l’avrebbe raggiunto dopo, e continuava a sfogliare una delle settecento riviste messe a disposizione dei clienti, sempre più assorta.
 Intanto, la giornata era trascorsa, ed era ora di tornare all’albergo per prepararsi alla cena.
Cheddonna non aveva mosso un muscolo per tutto il giorno, ma andava bene così;piuttosto,  a furia di sfogliare riviste, sospettava di essersi procurata un inizio di tendinite.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...