Canapè & ottomane


sconti

Tre anni prima.

Da qualche tempo Cheddonna stava pensando di cambiare l’arredamento del salotto e  aveva adocchiato un divano in pelle a dodici posti che pareva fare proprio al caso suo.

Vero che loro tre, con NonnaNenna, sarebbero arrivati a occuparne solo un terzo, ma vuoi mettere quando ci sono ospiti? e poi, senza dubbio, arreda.

“Hai sentito, Miomarito? Da Canapè e ottomane ci sono i super saldi con sconti fino al 70% del 40%, ma dobbiamo affrettarci: la promozione scade esattamente fra quattordici ore e ventitré minuti!”

“Ma cara, ora il negozio sarà  chiuso. Possiamo andarci domattina con comodo, verso le nove.” aveva provato a suggerire lui.

“Ma sei matto? Ci saranno code chilometriche!Dobbiamo andarci subito!” aveva esclamato Cheddonna,  prendendo Miomarito sottobraccio.

Da Canapé & ottomane, alle nove di sera, c’era già una piccola folla accampata nei pressi della porta scorrevole, sbarrata per la notte, e molti altri stavano arrivando.

“Hai visto?”aveva sibilato Cheddonna, dando una gomitata a Miomarito. “Guarda quanta gente! Speriamo di non essere arrivati troppo tardi !”

Avevano aspettato tutta la notte, senza muoversi dalla fila per non perdere il posto e, alle nove in punto, avevano visto le porte del negozio aprirsi magicamente, schiudendo loro la Terra Promessa.

Facendosi largo tra la folla insonnolita, erano riusciti ad accaparrarsi una commessa e, alle dieci in punto, proprio allo scadere della promozione, avevano firmato l’ordine di acquisto che garantiva loro quell’irripetibile super sconto. Ora, stanchi ma felici, potevano tornare finalmente a casa.

Tre anni dopo.

Cheddonna e Miomarito, seduti sul loro divano a dodici posti, guardavano un programma alla televisione. A un tratto, un jingle pubblicitario aveva attirato l’attenzione di Cheddonna.

“Affrettatevi, da Canapé & ottomane c’è il fuori tutto, ma solo fino a lunedì!”

Cheddonna pensava che, dopo i super-saldi di tre anni prima, c’erano stati i mega-sconti, gli extra scomputi, gli iper-ribassi e  le ultra- riduzioni, tutto senza soluzione di continuità,e non aveva potuto fare a meno di sentirsi un po’ presa in giro.

Per fortuna Miomarito si era appisolato, e non aveva visto lo spot. Se non altro, pensava, non si poteva dire che il divano non fosse comodo.

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...