Non sappia la tua sinistra.


rinunciaDa quando l’omino vestito di bianco venuto dalla fine del mondo si era insediato su quello che un tempo, dopo essere stato il soglio di Pietro, lo era stato anche di Bonifacio VIII e di Alessandro VI Borgia, per la Curia romana erano cominciati  tempi bui. Tutti quei discorsi sulla povertà della Chiesa, sull’accoglienza dei migranti e sulla misericordia avevano seminato il panico tra i porporati, costringendoli a fare i conti con l’opinione pubblica, prima ancora che con la loro coscienza. Di certo avevano messo in discussione, minandoli, secoli di privilegi usuca(r)piti e tramandati se non di generazione in generazione, di ministero in ministero. Una bella seccatura, non c’è che dire.

Adesso, poi, se n’era uscito con quella trovata che “il prete deve camminare col passo dei poveri ed evitare di appesantirsi con una pastorale di conservazione dei beni materiali”, che sarebbe come dire che un povero vescovo dovrebbe rassegnarsi a vivere in due stanzette e a girare su un’auto scassata come quell’originale del Papa…Ma dai!

Loziovescovo  guardava con paterna condiscendenza alle stravaganze di quell’uomo che di san Francesco sembrava aver preso, oltre al nome, anche una buona dose di follia.

“Ché, poi, io sono anni che predico che la Chiesa deve aiutare i poveri” aveva confidato a Cheddonna, un giorno che quest’ultima era andata a fargli visita, al piano attico del quattrocentesco palazzo vescovile .

“Sai” aveva detto, abbassando con aria modesta gli occhi e la voce,  “io non possiedo più nulla. Molti anni fa ho venduto tutti i miei beni per aiutare la chiesa locale di un paese extracomunitario…. ”

Cheddonna era rimasta senza parole e lo ascoltava a bocca aperta, mentre lui continuava a parlare, quasi sussurrando.

“Tutti pensano soltanto ai paesi dell’Africa o dell’Asia, e non sanno che anche vicino a noi le minoranze cattoliche hanno bisogno del nostro impegno.Ma non mi piace che si sappia in giro. Nel vangelo di Matteo si dice “quando fai l’elemosina, non suonare la tromba davanti a te.Non sappia la tua sinistra cosa fa la tua destra”, perciò ho versato tutto su un conto corrente cifrato, con un nome di fantasia. Ma ora, dopo che l’accordo bilaterale tra Italia e Svizzera sarà effettivo, da giovedì, dovrò cominciare a  pensare di aiutare qualche altro paese.”

 

 

 

2 pensieri riguardo “Non sappia la tua sinistra.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...