Tanto va la gatta al lardo…


gattaDopo gli stravizi alimentari della vacanza in Sicilia, Cheddonna aveva deciso di perdere almeno due chili,  perciò aveva pensato di adottare il regime alimentare del dottor di Giuni, il dietologo che aveva seguito la Fulvia dopo l’ultima gravidanza.

Dopo aver dato un’occhiata veloce al foglio prestampato, Cheddonna era impallidita.-Come? Niente carboidrati? Solo carne, pesce e verdura e per giunta col divieto assoluto di usare i surgelati! Ma come farò?-

Dopo un primo momento di indecisione, però, il super -io di Cheddonna aveva avuto il sopravvento, spingendola a tentare l’impresa.

Non avrebbe mai immaginato, però, che abolire i carboidrati sarebbe stato così difficile.

A volte aveva persino delle allucinazioni.Si sentiva come un beduino nel deserto, perseguitato da miraggi di oasi evanescenti, e più di una volta le era parso che dal frigorifero provenisse il canto ammaliante delle sirene, che l’ attirava a sè.

Dopo una settimana non ce l’aveva fatta più.

-Cosa vuoi che sia un piccolo strappo alla regola?-pensava, muovendosi furtiva  nella casa addormentata, alla ricerca dei cioccolatini che Miomarito aveva nascosto, per aiutarla a mantenere i suoi buoni propositi, si intende.

-Trovati!-aveva esclamato, trionfante, un attimo prima di urtare con il piede scalzo lo stipite della porta della cucina.

L’ululato di dolore che ne era seguito aveva risvegliato tutti gli abitanti della casa, e anche Lastregadisopra, che aveva manifestato il proprio disappunto picchiettando ripetutamente con il manico della scopa sul pavimento.

-Che cosa succede?- si era informato Miomarito, stropicciandosi gli occhi gonfi di sonno.

-Credo di essermi rotta un dito…-piagnucolava Cheddonna saltellando su un piede solo.

-Andiamo al pronto soccorso-  aveva concluso Miomarito, constatando che il quinto dito del piede sinistro aveva un’angolatura piuttosto insolita, rispetto alle altre.

-Tanto va la gatta al lardo che ci lascia lo zampino…-aveva commentato NonnaNenna, contemplando i cioccolatini sparsi sul pavimento.-E adesso, come farete a partire per la montagna?” (continua)

3 pensieri riguardo “Tanto va la gatta al lardo…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...