September blues


Il mondo di Cheddonna

Le capitava tutti gli anni, fin da quando era bambina. 

Appena dopo ferragosto, quando le giornate, sempre più brevi, sembravano correre a perdifiato verso l’autunno, e le stelle cadenti  turbinavano nel cielo con la stessa irrefrenabile urgenza delle foglie che presto avrebbero preso il loro posto, Cheddonna cominciava a sentire nell’aria che settembre era alle porte, e l’assaliva una malinconia che non avrebbe saputo spiegare.
Settembre, pensava, è il mese dei nuovi inizi. 
“Quest’anno mi iscriverò in palestra” diceva Cheddolce.
“Devo proprio riprendere a studiare l’inglese”era il proposito di Miomarito.
“Il ‘Che’  quest’anno va in prima, e fra poco nascerà la sorellina, o il fratellino!”dicevano in coro la Fulvia e Unozio.
“Quest’anno non prendo nessun debito”aveva promesso IlPrincipe, ai suoi genitori, ma anche un po’ a se stesso.
Già, settembre, un po’ come il primo mese dell’anno, è il mese dei nuovi inizi ma, a differenza di gennaio, che spalanca…

View original post 113 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...