A rebours: sindromi irrisolte.


a-reboursDa quando aveva cominciato la terapia con la dottoressa Sakkama-Ria, la psicoanalista nippo-fiorentina che le aveva consigliato la Fulvia, Cheddonna aveva intrapreso un viaggio  a ritroso dentro se stessa  che le stava riservando parecchie sorprese.

-…e dunque, come le dicevo, potrei definirmi una persona tollerante e di larghe vedute. Una che “vive e lascia vivere”, come direbbe NonnaNenna…-aveva detto, un giorno.

La dottoressa Sakkama-Ria l’aveva guardata in silenzio, continuando a potare il ginepro bonsai che teneva sul tavolino dello studio, poi le aveva domandato:-Ma è proprio sicura che un c’è nulla che la disturba, qualche volta?-

“Che non CI SIA nulla che la DISTURBI”, pensava Cheddonna, arricciando il naso.

-Uhm…non credo.-

-Vorrei che si sforzi a pensare…Nemmeno se un automobilista, fori la scola, le ruba il parcheggio?-

“Vorrei che si SFORZASSE! Fuori DALLA scuola!”, pensava Cheddonna, che cominciava ad alterarsi.

-Be’, forse un po’…-aveva ammesso, di malumore.

-O quando i’ su figliolo è for di casa e non gli risponde al telefonino…-

-LE RISPONDE! NON  GLI!-aveva gridato Cheddonna, che non era riuscita a trattenersi.

La dottoressa Sakkama-Ria, imperturbabile, aveva continuato ad armeggiare con le forbicine intorno al bonsai. Poi, finalmente, sollevando lo sguardo su Cheddonna, le aveva sorriso.

-Come immaginavo! Ho voluto metterla alla prova; lei soffre di un disturbo sempre più raro, al giorno d’oggi:la “sindrome del grammar-nazi”, o del “linguista pedante” e, da quello che ho potuto  vedere, anche in forma piuttosto acuta.-

Cheddonna era impallidita.

-E’ grave, dottoressa?-aveva domandato, preoccupata.

-Non vorrei spaventarla, ma nel 95% dei casi si tratta di un disturbo cronico, che può essere curato e parzialmente contenuto nei suoi sviluppi più devastanti.E’ fondamentale la prevenzione, che deve cominciare da piccini.Nelle prossime sedute dovremo senz’altro indagare su alcuni episodi del suo passato che possono aver determinato in lei un forte imprinting…

Cheddonna aveva ascoltato in silenzio, mentre la sua mente tornava indietro di molti anni, quando frequentava la quinta elementare… (continua)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...