Un piccolo passo per l’uomo, un grande passo per l’umanità


lob-93L’anno che stava per concludersi era stato, per Cheddonna, piuttosto intenso e ricco di accadimenti: la pubblicazione del suo libro di ricette e l’incontro  col grande Baldo Bracco, l’inizio di un percorso dentro se stessa e le proprie sindromi irrisolte, sotto la guida della dottoressa nippo-fiorentina Sakkama-Ria, e, infine, il piccolo incidente che le era costato la rottura di un dito e la conseguente rinuncia ad indossare il tacco dodici per i successivi due mesi. “Un anno controverso e affascinante, ma di certo non banale”, considerava tra sé, guardandosi nello specchio, mentre si preparava per il cenone di san Silvestro.

Era tutta elettrizzata al pensiero che finalmente, quella sera, avrebbe potuto nuovamente indossare un paio di scarpe tacco dodici, dopo quei lunghi mesi trascorsi “a livello del mare”.

Con un po’ di batticuore si era avvicinata all’immensa scarpiera che occupava uno dei lati lunghi della cabina armadio, e ne aveva aperto i battenti con dita tremanti, per scegliere il paio da indossare per l’occasione.

Dapprincipio non ci aveva fatto caso, intenta com’era a passare in rassegna le molteplici paia di scarpe ordinatamente riposte sui ripiani, poi lo sguardo le era caduto su uno spazio innaturalmente vuoto, proprio al centro della scarpiera.

Un urlo disumano era risuonato per tutto il palazzo, sovrastando il rumore dell’aspirapolvere che Lastregadisopra stava passando per la sesta volta, da quella mattina all’alba, e risvegliando NonnaNenna dal riposino pomeridiano. Perfino IlPrincipe, attraverso le cuffie che sparavano a mille le note di Eminem, l’aveva udito, ed era accorso.

-Nooooooo! Chi ha preso le numero Uno?-strillava Cheddonna, rovistando tra gli scaffali alla ricerca delle sue prime Loboutin del 1993, quelle che, da quasi un quarto di secolo, conservavano ancora, nella suola,  il rosso acceso del primo giorno.

Alle sue spalle si era formato un piccolo assembramento: Miomarito, IlPrincipe e NonnaNenna, seguita dalla badante, Corazon, cercavano di capire cosa stesse accadendo.

-Qualcuno sa dove sono finite?- aveva ruggito Cheddonna.-Sono sempre state qui!-aveva aggiunto poi, in tono dolente.

Ripensava all’ultima volta che ricordava di averle viste, due mesi prima. Quel giorno, di ritorno dall’ospedale col dito rotto, aveva aperto l’armadio e, in un accesso d’ira, aveva scagliato in un angolo le sue scarpe preferite, che  per tanto tempo non avrebbe potuto indossare.

-Ma certo, le avevo buttate lì, in quell’angolo…-si era illuminata, al ricordo, mentre il sorriso di Corazon, in piedi di fronte a lei, si spegneva.

-Credevo che le volesse dar via…-si era schermita la badante.-Così le ho messe in un sacco e stamattina le ho portate alla onlus “Un piccolo passo per l’uomo, un grande passo per l’umanità“, che regala scarpe ai pellegrini poveri che vogliono partire per il cammino di Santiago de Compostela…-

Un silenzio irreale aveva interrotto il brusio di poco prima.Tutti guardavano alternativamente Cheddonna e la malcapitata badante.

-Tu coooooosa?-aveva sbraitato Cheddonna, al colmo del furore.-Io ti…-

-Ehm…ehm…-aveva tossito NonnaNenna, togliendo la badante dalle grinfie della nipote -se le scarpe fossero state al loro posto tutto questo non sarebbe accaduto…-

Cheddonna non aveva potuto darle torto e, indossate al volo le prime Prada che le erano capitate sottomano, aveva infilato la porta di casa, diretta, come una furia, alla onlus “Un piccolo passo per l’uomo, un grande passo per l’umanità“, alla ricerca delle numero uno perdute…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...