-Mi parli della sua infanzia.-aveva chiesto a Cheddonna la dottoressa Sakkama-Ria, durante l’ormai consueto appuntamento settimanale.-Sento che ci stiamo avvicinando a un nodo fondamentale.C’è qualche episodio  traumatico dei primi anni della sua vita che lei ricorda particolarmente?-

Cheddonna era rimasta per un po’ in silenzio. Pensava a tutte le volte che sua sorella Cheddolce, quando erano bambine, le aveva fatto i dispetti, o a quando le aveva rivelato che Babbo Natale non esiste, ma sentiva  che nessuno di quei ricordi, per  quanto spiacevoli, poteva davvero definirsi traumatico.

-Ci pensi bene. E’ molto importante.-

Nei primi anni della sua vita Cheddonna aveva frequentato un asilo gestito dalle suore, la cui missione principale, dopo la preghiera, era quella di insegnare le buone maniere ai piccoli alunni, come tenere correttamente le posate,  alzare la mano per chiedere la parola,  salutare per primi gli adulti e  ringraziare con un bel sorriso. Cheddonna, naturalmente, si distingueva dai compagni  per il suo innato senso del bon-ton, oltre che per la sua eleganza naturale, e dunque si era sempre trovata benissimo, eccetto quando era costretta a finire le carote crude, che detestava cordialmente.

Ora che ci pensava, però, un giorno era accaduto un fatto insolito.

Lo ricordava chiaramente: aveva quattro anni, si trovava nel giardino della scuola e stava mangiando una mela insieme ai suoi compagni. Suor Maria, una suora dal volto ridente e rotondo, ne aveva chiesto uno spicchio, e Cheddonna glielo aveva porto con un sorriso.

-Grazie!-aveva detto suor Maria, masticando rumorosamente lo spicchio di mela.

-Prego.-aveva risposto Cheddonna, compita.

Poi era successo. Suor Maria, sfoderando un sorriso a trentadue denti, aveva cantilenato:images

 -Del tuo prego, me ne frego!- ed era scoppiata in una grassa risata, che era esplosa come una bomba nella mente di Cheddonna,  lasciandola letteralmente interdetta.

-Certo, in quel momento la sua maestra, un’importantissima figura di riferimento per lei, con la sua risposta sgarbata le ha inferto una cocentissima delusione, minando le sue certezze di bimba, e questo spiegherebbe anche l’atteggiamento insofferente della paziente nei confronti delle autorità  religiose…Lo sapevo che ci stavamo avvicinando a un punto critico.-pensava tra sè la dottoressa  Sakkama-Ria, prima di restituire a Cheddonna la sua interpretazione.

Quest’ultima aveva il viso turbato, e si tormentava le mani.

-Capisce?- era sbottata, infine.-La suor Maria ha parlato con la bocca piena!-

 

 

 

 

Leggi tutto l'articolo

ricevimento_genitoriLa cronica carenza  di aule nel liceo  de IlPrincipe aveva determinato la necessità, da parte degli insegnanti, di ottimizzare gli spazi, e così, da qualche tempo, i colloqui con i genitori si svolgevano contemporaneamente in un’unica stanza.

-Alla faccia della privacy!-pensava Cheddonna, facendosi faticosamente largo tra i banchi collocati a casaccio, per raggiungere la professoressa di disegno.

Sedutasi finalmente davanti all’insegnante, Cheddonna l’aveva ascoltata per un po’, cercando di ignorare il brusio di sottofondo dell’aula, poi, avendo realizzato  che, almeno per quella materia, non c’era nulla di cui preoccuparsi, aveva cominciato pian piano a staccare i contatti e si era messa quasi involontariamente ad ascoltare la conversazione che stava avvenendo due sedie più in là tra un padre che non aveva mai visto e un insegnante di inglese.

-L’ho fatta chiamare perché sua figlia l’ha fatto di nuovo,-stava dicendo il professore,-è entrata in ritardo di dieci minuti pur sapendo che doveva essere interrogata, ed è già la terza volta, questo mese.-

Il padre, con le braccia conserte, lo guardava accigliato, in silenzio. Cheddonna non aveva potuto fare a meno di tendere  ancor di più l’orecchio, per non perdere una sola battuta di quel dialogo che si preannunciava piuttosto interessante.

-E non è tutto,-aveva continuato il professore, mentre il padre lo fissava, sempre più scuro in volto,-guardi, guardi lei stesso: qui ci sono  ben cinque giustificazioni non firmate!- e, così dicendo, gli aveva mostrato un libretto dall’aspetto piuttosto vissuto.download

Leggi tutto l'articolo

Mese per mese