Parlare la stessa lingua


-Ciao, tesoro, tutto bene oggi, a scuola?-aveva domandato Cheddonna, affacciandosi alla porta della cucina, mentre IlPrincipe entrava in casa.

-Uhm,  fanc, scuola di m, caz…-aveva risposto lui.

-Come, scusa?- aveva insistito Cheddonna, che non aveva afferrato il concetto.

-Eeeh, Ma’? Boh, che pall. -e, alzando le spalle, si era avviato verso la sua stanza, dopo aver lanciato un’occhiata interrogativa a sua madre.download

Cheddonna era prima sbiancata, poi era diventata rossa come il pomodoro disegnato sul suo grembiule da cucina e aveva cominciato  a emettere fumo dalle narici. Non aveva capito nulla di quello che aveva detto IlPrincipe, e questo la faceva infuriare terribilmente.Un po’ per carattere e un po’ per educazione,  il turpiloquio le aveva sempre fatto orrore, e aveva sempre condannato fermamente la violenza verbale fine a se stessa.

Ma quando ci vuole ci vuole.

Così, dopo essersi strappata di dosso il grembiule, aveva rincorso IlPrincipe nel corridoio e gli aveva urlato:-Ehi, stronzet, a me che pall non lo dici! Ti ho chiesto com’è andata la caz di scuola!-

IlPrincipe si era immobilizzato all’istante, come colpito da un fulmine, poi si era voltato lentamente e, con un sorriso a trentadue denti aveva esclamato:-Una schifezza, ma’, porc put!- ma questa volta Cheddonna lo aveva capito.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...