Durante la notte fra il 4 e il 5 marzo Cheddonna era rimasta sveglia per seguire la maratona elettorale di Mentana. Dopo i confortanti dati delle diciannove sull’affluenza ai seggi, Cheddonna e le sue amiche, riunite presso il quartier generale del M.A.M.A., avevano atteso prima gli exit-poll, poi i primi dati dello scrutinio.

La tensione era alle stelle, soprattutto quando sullo schermo alle spalle del conduttore, accanto al logo del Movimento, era apparsa di nuovo la sigla N.P. dei giorni passati.

-Vedi, è uscito di nuovo! N.P.=Noi prime! – si era rallegrata la Fulvia, allargando le braccia per sottolineare il concetto.

  • Mah, sei sicura che significhi proprio quello?Io ci andrei cauta…- aveva ribattuto Cheddolce, scettica.

-Sono d’accordo, forse si riferisce ai voti e vuol dire”Neanche pochi”.- aveva convenuto Tuttisuoi?, possibilista.

  • O “Non pervenuto”…- aveva aggiunto NonnaNenna, pratica.
Leggi tutto l'articolo

-Allora, Cheddonna, qual è la percentuale del M.A.M.A. nei sondaggi?- aveva chiesto la Fulvia, a due giorni dal voto.

Cheddonna aveva cominciato a scorrere lo schermo del computer, sul quale campeggiava l’elenco dei 76 partiti candidati alle elezioni del 4 marzo. Tra i primi spiccavano  quello di Cicciobelloprimacomunione, di Laruspa e del signore dalla faccia di silicone  che aveva incontrato alla trasmissione televisiva cui aveva partecipato qualche settimana prima. Poco distante quello di Misterbean, che quella sera era assente, seguito dalla signora bionda con le borse sotto gli occhi e da quella con lo sguardo fisso.

17% 40%, 15%, 3,5% 20%, 4,5%…le percentuali si susseguivano, sullo schermo, a comporre il panorama del possibile risultato finale.

  • Non lo trovo…- aveva risposto Cheddonna, scorrendo compulsivamente l’elenco, poi, finalmente, si era illuminata:-Eccolo!-

-Ah, bene!- aveva commentato la Fulvia, -che dice?-

Leggi tutto l'articolo

Mese per mese