images (1)

“Ti ti…Signora Cheddonna, glielo devo dire: IlPrincipe non studia abbastanza. Troppe distrazioni. Ritengo che dovrebbe vietargli di usare il telefonino, durante le ore di studio. ” aveva suggerito la professoressa di inglese.

“Ti ti…Ma le assicuro che lo tiene sempre spento, sulla scrivania. Ti ti”

“Uffa, cos’è questo? “pensava Cheddonna, gettando un’occhiata al display del telefono.

La notifica di whatsapp era del gruppo ‘Walkie talkie mamas’. Melanie, la mamma anglofona, diceva:”See U tomorrow at 8 o’clock? :)”

“Ti…Ti. Signora Cheddonna, le ripeto, penso che IlPrincipe sia troppo preso da whatsapp. Possono arrivare anche migliaia di messaggi al giorno, se si fa parte di un gruppo, lo sa? “

“Ti ti…I don’t know… ” aveva scritto Cheddonna, rispondendo al messaggio.

“Ti ti… E questo cos’é? Ah, una notifica del M.A.M.A…. Mi confermi che la  prossima riunione è martedì?” aveva scritto la Titty.

“Come sarebbe a dire che non lo sa? Signora Cheddonna, mi promette che toglierà a IlPrincipe il telefonino?”l’aveva incalzata la professoressa, compiaciuta nel sentirsi rispondere in inglese.

“Sì, certamente,  martedì alle 8.30...”aveva digitato in fretta Cheddonna, prima di rispondere.

“Ti ti…Sarebbe meglio fin da oggi, ma faccia un po’ come crede, basta che lo faccia, mi raccomando!Whatsapp  può essere pericoloso!” aveva concluso la professoressa, chiudendo, con un sospiro, la chat privata del gruppo di Whatsapp”Genitori e insegnanti della terza E”, sulla quale aveva appena tenuto  la sua ora di ricevimento.

 

 

Mese per mese

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: