IlsignorMilani, il vicino di Cheddonna  amante degli animali, usciva spesso a far passeggiare i suoi tre cani, mentre la moglie preferiva restare in casa a occuparsi dei numerosi gatti, canarini, tartarughe, conigli e criceti che popolavano il loro appartamento.
Un giorno, mentre lui e Cheddonna stavano ritirando la posta insieme, avevano visto passare l’auto di Tuttisuoi? la  nuova vicina di casa, con a bordo i figli: Donato, Diletta, Beniamino, Matteo, Teodoro, Dorotea e il piccolo Adessobasta.
“Ma come si fa, al giorno d’oggi, ad avere tutti quei figli?” si domandava ad alta voce IlsignorMilani.
“Eh” aveva assentito Cheddonna. “Si fa fatica già a stare dietro a uno! Di questi tempi, poi!”
“Ah, io e mia moglie non ne abbiamo, ma siamo contenti così. L’affetto che ti da un animale non te lo da nessuno…”
Cheddonna pensava a Gaetano, il cane di strada che IlPrincipe aveva a tutti i costi voluto tenere con sè, un giorno di qualche anno prima, a quanto, suo malgrado, aveva finito con l’affezionarsi anche lei a quel bestione che la guardava con occhi adoranti, e pensava a IlPrincipe  che, da buon adolescente,  la guardava quando andava bene con occhi vacui,  più spesso carichi di rabbia, ma che sapeva sorprenderla con un abbraccio inaspettato, proprio quando più ne aveva bisogno.
No, non era poi così convinta che IlsignorMilani avesse ragione.




Per una migliore comprensione dei personaggi, potete leggere i post: “Animali e bestie”, “Gaetano” “Passeggiando nel parco” “I nuovi vicini” “I nuovi vicini parte seconda”  e “Venga a prendere un caffè da noi”, all’interno del blog.

1 comments

Mese per mese

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: