Anche quell’anno, nonostante un’interminabile, freddissima e piovosa primavera, il momento più  atteso e temuto da ogni donna, la prova costume, era arrivato.
Cheddonna si  preparava da mesi a quell’appuntamento con lo specchio: corsa, Pilates, massaggi anticellulite  e una sana alimentazione, erano le sue armi segrete.
Dopo aver scartato quindici costumi dello scorso anno, ormai indiscutibilmente fuori moda, scelse un bikini nero e si accinse ad indossarlo, pronta ad ammirarne l’effetto sul suo fisico scolpito e modellato da dieta e ginnastica.
Quello che vide, riflesso nello specchio, non le piacque affatto.   Un rotolino di grasso sfuggito al controllo, faceva bella mostra di sè all’altezza della vita, proprio intorno all’ombelico, vanificando il risultato di mesi di duro lavoro.
“Com’è possibile?”mormorò, lasciandosi cadere su una sedia, incredula.
Sforzandosi di rimanere lucida, Cheddonna si mise ad elencare mentalmente le possibili soluzioni al problema.
Scartata la liposuzione  (si sarebbe vista la cicatrice dati i tempi stretti)e archiviata anche l’idea di  trascorrere le vacanze in una località di montagna, (troppo cheap la montagna in estate!) Cheddonna, a malincuore,  prese l’unica decisione possibile, una decisione sofferta, perchè senza ritorno: sarebbe passata al costume intero.

Mese per mese

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: