Una domenica mattina, sul tardi, Cheddonna stava pigramente rimandando il momento di lasciare l’abbraccio tiepido del piumino primaverile, e sonnecchiava con la mascherina oscurante ben calcata sul viso, quando, dalla stanza de IlPrincipe, aveva sentito provenire i primi, inequivocabili segnali del suo risveglio: una sinfonia di oggetti spostati, porte sbattute, sbadigli e grugniti in la maggiore.

-Buongiorno, IlPrincipe, dormito bene?-gli aveva domandato,  senza decidersi a lasciare il letto.

-Uhm…-era stata la sua laconica risposta.

-Senti, ma…che tempo fa oggi?-si era informata, poi.

Dopo una breve pausa IlPrincipe aveva esclamato: -Dice nuvoloso.

-Chi lo dice?-aveva chiesto Cheddonna, sbadigliando.

-Meteoesatto.it, il miglior sito di previsioni del tempo-aveva risposto lui, col tono monocorde di un navigatore satellitare.

downloadMiomarito, che era già in piedi da tre ore, e stava telelavorando nel suo studio, si era affacciato alla porta della cameretta, e con aria corrucciata lo aveva apostrofato :-Ehi, dico, basta guardare fuori per vedere che tempo fa, altro che cercare in Internet!- e, spingendo un tasto, aveva azionato la tapparella elettrica che, sollevandosi, aveva creato un varco spazio-temporale tra il mondo esterno e quello interno.

IlPrincipe aveva sgranato gli occhi e, fissando l’orizzonte oltre la finestra, era rimasto per un po’ in silenzio, rapito. Il cielo era solcato da nubi qua e là più fitte e sovrapposte, come petali di una rosa in una foto in bianco e nero.In alcuni punti filtrava una luce tenue e lattiginosa, incerta se mostrarsi nel suo spendore o eclissarsi dietro a una nuvola più spessa delle altre.

imagesMiomarito lo guardava soddisfatto, rivolgendo uno sguardo d’intesa a Cheddonna che, nel frattempo, li aveva raggiunti.