frecceDa quando erano atterrati sull’isola del Gattopardo, Cheddonna, Miomarito e IlPrincipe avevano imparato molte cose: che esistono marche di benzina autoctone, ad esempio, o che i pedaggi autostradali possono variare, sulla medesima tratta, di dieci o perfino venti centesimi nell’arco di una giornata, quasi fossero titoli azionari.

Guidando nel traffico delirante di paesini con più automobili che abitanti, Miomarito aveva appreso che un semaforo è solo un apostrofo rosso  tra le parole “Tocc’amme”, ma, soprattutto, che è impossibile rifare lo stesso percorso due volte di seguito.

Sì, perché in Sicilia ci sono i santi; ogni paese, ogni frazione e perfino ogni quartiere ha il proprio.

Così, tornando dal mare, il primo giorno, Cheddonna e Miomarito avevano trovato la strada principale sbarrata dalle transenne.

“E’per il Santo”, aveva spiegato, con deferenza, un ausiliare del traffico, poi, con la gentilezza tipica degli abitanti dell’isola, si era profuso in spiegazioni che, non senza qualche peripezia, avevano permesso alla famigliola di fare finalmente ritorno a casa.

Il giorno dopo la stessa storia.

“Ma come, non è stata ieri la festa del santo?”aveva domandato Cheddonna alla vigilessa che presidiava uno sbarramento, che la sera prima non c’era.

“Sì, ma oggi è la festa della Santa del paese vicino!” aveva spiegato la vigilessa, allargando le braccia a sottolineare l’ovvietà di quanto stava dicendo.

“Mi perdoni” l’aveva interrotta Miomarito, molto provato, a quel punto.”Come faccio ad arrivare a casa? Il navigatore mi indica solo questa direzione…”

“Capisco”, aveva risposto la vigilessa. “venite dietro a me, vi faccio strada!” e, con un largo sorriso, era salita in macchina e li aveva guidati fino a casa.

Leggi tutto l'articolo

casa del nespolo“Oggi, invece di andare al mare, andremo a visitare Acireale, Aci Castello e Aci Trezza…”aveva esordito Cheddonna, la mattina a colazione.

“Lo sapevi, cara, che oltre a  quelle che hai citato vi sono altre quattro “Aci”? Aci Bonaccorsi, Aci san Filippo, Aci Sant’Antonio e Aci Catena.

Il mito racconta che la ninfa Galatea fosse innamorata del giovane Aci e che il  ciclope Polifemo, geloso, un giorno avesse cercato di attirare Galatea con le note del suo flauto, ma non essendoci riuscito, infuriato, avesse scagliato  un enorme masso contro i due amanti, uccidendo Aci. Lei, poi, secondo Ovidio, trasformò il sangue dell’amato nelle acque di un fiume: l’Aci, da cui prendono nome questi paesini”.

“Polifemo? quello stordito che, dopo che Ulisse l’aveva accecato, gridò ai suoi fratelli che era stato Nessuno? Un imbranato totale…” aveva commentato IlPrincipe, addentando la sua brioche con gelato.

“Sì, la leggenda dice che i faraglioni di Aci Trezza altro non siano che i macigni lanciati dal ciclope  a Ulisse in fuga…” aveva chiosato Miomarito.

“E proprio ad Aci Trezza sono ambientati ‘I Malavoglia’.Oggi andremo a visitare anche la casa del nespolo, che ospita un piccolo museo dedicato all’opera  di Giovanni Verga!”aveva aggiunto Cheddonna, raggiante. 

Leggi tutto l'articolo

ricicloAppena sbarcata dall’aereo, a Catania, Cheddonna era stata investita dal caldo africano che ormai da parecchie settimane aveva fatto innalzare la colonnina di mercurio a temperature vicine ai quaranta gradi. Al nord, invece, l’estate sembrava ancora indecisa se fermarsi  per un po’ o fare solo un veloce saluto, a giudicare dalle piogge costanti del mese di giugno.

La prima cosa che l’aveva colpita, arrivando, era stata la luce, intensa come raramente le era capitato di vederla, e i colori netti, senza ombre. Poi, abbassando lo sguardo, era stata colpita da uno spettacolo assai meno poetico, che l’aveva riportata bruscamente alla realtà: il marciapiede su cui stava camminando era cosparso di rifiuti e cartacce, una delle quali si era conficcata nel tacco dodici del suo sandalo gioiello.

“Certo che come biglietto da visita di una città, non è proprio il massimo! Speriamo che sia solo in questa zona.” aveva commentato, infastidita.

Giunti a destinazione, Cheddonna, Miomarito e IlPrincipe avevano parcheggiato l’auto presa a noleggio davanti alla villetta dove avrebbero trascorso le vacanze. “Be'” aveva commentato Cheddonna, sollevata, “qui i marciapiedi sono più puliti e, guarda!, ci sono perfino i cassonetti per la raccolta differenziata!”

Il giorno seguente, dopo aver diviso accuratamente i pochi resti della cena “take away” della sera precedente in plastica, carta e frazione umida, Cheddonna aveva incaricato Miomarito di portare i sacchetti ai rispettivi punti di raccolta, prima di recarsi alla  spiaggia  di ciottoli  che separava la casa dal mare.

Leggi tutto l'articolo

alba“Mamma, stasera esco con Salvo il bagnino e i ragazzi del lido.C’è un falò in spiaggia.Facciamo tardi. Stai tra’.” recitava il messaggio de IlPrincipe.

“Anche stasera!” aveva esclamato lei, con disappunto. “E’ una settimana che fa tardi tutte le sere!”

“E’giovane, è in vacanza, e si sta divertendo. E poi Salvo e gli altri sembrano dei bravi ragazzi. Non preoccuparti” l’aveva rassicurata Miomarito, che in vacanza diventava di vedute assai larghe.

“Cenetta romantica noi due soli?”aveva proposto e, prendendola per mano, l’aveva guidata fino a un ristorantino affacciato sul mare.

Cheddonna, per qualche ora, non aveva più pensato a IlPrincipe.

Milletrecento chilometri più su, NonnaNenna si stava preparando a recarsi al concerto dei Pooh, insieme alla banda del N.O.N.N.A. (Nuova organizzazione nonne + o -novantenni ardite).

La sera avanti, alla fiera della porchetta, aveva fatto le due, e quella precedente, al Circo all’aperto, addirittura le tre.

“Alla nostra età tre o quattro ore di sonno sono anche troppe!” ripeteva spesso, e la Zaira, l’Armida e l’Elvezia approvavano incondizionatamente.

A Cheddonna, invece, ne servivano otto, come minimo. Solo che, da quando IlPrincipe aveva cominciato a uscire, la sera, non riusciva a chiudere occhio fino a quando non lo sentiva rientrare, e ora, dopo una settimana di vacanza, era ridotta a uno straccio.

Leggi tutto l'articolo

Ci aveva provato con tutte le sue forze, saziandosi con insalatine di stagione e frutta a volontà, in nome di un’alimentazione sana e leggera, povera di calorie e ricca di vitamine e sali minerali, importantissimi, soprattutto d’estate. Del resto  non aveva passato gli ultimi tre mesi a cercare di eliminare quell’odioso cuscinetto sui fianchi, a costo di enormi sacrifici, per rovinare tutto in pochi giorni di trasgressione! Poi, però, era stata suo malgrado travolta. Intorno a lei torrenti di granite con panna, vulcani di brioche con gelato e montagne di frutta martorana le serravano il passo, impedendole ogni via di fuga e, infine, aveva ceduto e assaggiato i piatti tipici della tradizione siciliana, così diversi da costa a costa, da città a città, tanto da cambiare  di nome  e perfino di forma da un capo all’altro dell’Isola.Gli arancini appuntiti  di Catania, ad esempio, a Palermo si chiamavano arancine ed erano tondi come l’omonimo agrume; e guai a invertire i nomi, se non si voleva essere guardati con disapprovazione dagli autoctoni.

Percorrendo l’isola, tra una sciara e un teatro greco, su spiagge nere come il carbone o bianche come la luna, sbocconcellando sfincioni e panelle, pane “cunzatu” e “ca meusa” si era chiesta spesso come avesse fatto a rinunciare a tutto questo, prima d’allora.

Leggi tutto l'articolo

Mese per mese