Mancavano solo tre settimane alla fine della scuola.Non che se ne fosse resa conto, presa com’era dal vortice della routine quotidiana. Era stato IPrincipe a farglielo notare, quella mattina a colazione, prima di sparire per mezz’ora davanti allo specchio a sistemarsi il ciuffo. Da qualche mese, ormai, era tornato del suo colore naturale, ma per  un po’ era stato di un bel verde brillante: il biglietto da visita per il suo ingresso al liceo artistico, dove tutti, pensava, sono un po’ eccentrici. Poi aveva incontrato Laurah che, sì aveva i capelli blu,  ma detestava quelli che si tingevano solo per fare gli alternativi. Del resto il blu era il suo colore preferito, e non era colpa sua se non esistevano in natura capelli di quel colore.
Da allora era già  quasi passato un anno, e molto altro.
Cheddonna, guardava riflessa nello specchio del bagno l’immagine di quel ragazzo che era stato il suo principe,  si era trasformato in un ranocchio e ora era diventato semplicemente  IlPrincipe, senza nemmeno interpellarla, e pensava che, se voleva farcela,  doveva assolutamente riprendere a partecipare alle riunioni del M.A.M.A.

Mese per mese

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: